lunedì 9 febbraio 2009

Le Zeppole di Licia "senza patata"


E' carnevale, e in questo periodo mi prende la voglia di fare le zeppole... e ogni anno riesco a migliorare un pochino. ;-)
Ho una ricetta semplice, senza patata, buonissime, leggere e soffici!
L'ho avuta da Licia, la mamma della mia amica Luisella,
Lei si che era brava nei dolci...!!!!
Non sempre è sufficente avere le dosi, ma è importante anche il procedimento...
Ma tutto questo non è solo merito mio, ho preso dei consigli da Adriano e da Anice&Cannella
Ho cercato di capire l'importanza di incordare la pasta, le famose pieghe che danno forza alla lievitazione e la possibilità di cuocerle anche il giorno sucessivo, dopo averle fatte riposare in frigo.Io mi sento abbastanza soddisfatta, ora giudicate voi! ;)
Ecco gli ingredienti:
340 g. di farina forte
100 g. di latte
60 g. di burro
2 uova medie
80 g. zucchero
10 g. di lievito di birra
5 g. di sale
buccia grattugiata di arancia e di limone

1 cucchiaio di rum
1 cucchiaio di anice
1 bustina di vanillina

A parte sciogliamo il lievito nel latte tiepido e 90 g. di farina, facciamo riposare 40°. Iintanto sbattiamo bene le uova con lo zucchero, aggiungiamo la grattugia di limone e di arancia.
Incorporiamo un po' di farina, il rum, l'anice, ancora farina.. il sale, la vanillina .
Ora aggiungiamo il lievito che stava riposando, altra farina, lasciandone un pò da parte.
Unire il burro a pomata, un po alla volta, aiutiamoci con qualche spolverata di farina, battendo bene la pasta sulla tavola da lavoro,( e si...io inpasto a mano...) se la pasta non siriesce ad incordare , fatela riposare per 15 minuti, poi riprendete a girare e di nuovo il riposo per altri 15 minuti, fino a quando non si attaccha più alle mani.
Alla fine di tutto copriamo e lasciamo riposare per circa 2 ore (deve triplicare..) . Rovesciamo sul tavolo e facciamo le pieghe come dice Adriano.
Lui ci ha insegnato:" tirare un lembo verso l'esterno e portarlo al centro, così per tutti e quattro gli angoli, schiacciare poi bene al centro e riperter l'operazione per 2 volte, ottenendo una mezza sfera ben tesa che copriamo con la pellicola."
Dopo circa due ore versiamo la pasta sul piano e quì si può procedere in due versioni:
io per velocizzare il lavoro, stendo tutta la pasta di circa due centimetri e con un bicchiere rovesciato, faccio tutte le ciambelline e ritaglio il centro con un piccolo tappino e faccio lievitare.
                                                                   Il mio metodo
                                                                 Il metodo di Adriano 
Adriano procede in questo modo:"
.. spezziamo in pezzi da 50 g. avvolgendoli stretti. Dopodichè, riprendere il primo, con le mani infarinate, premere al centro
fino a forare l'impasto e, girando sul dito, formare l'anello (la zeppola)"


                Metterle a riposare su un piano appena infarinato, coperte per circa due orette.



Riscaldare una pentola con olio di arachidi, la temperatura deve essere bassa, l'olio a sufficenza da farle galleggiare . Mettere le zeppole nell'olio prima da un lato, poi dall'altra e ripetere, fin quanto si ragginge una leggera doratura.
Scolare bene su carta per togliere l'olio in eccesso e rotolarne nello zucchero




Per gli intolleranti al lattosio è possibile sostituire il latte con acqua e il 

burro con olio di mais. 


19 commenti:

  1. Wow devono proprio essere buone..

    RispondiElimina
  2. Belline, mi pare pari pari la ricetta di Adriano, alla quale hai tolto le patate ;) http://profumodilievito.blogspot.com/2007/09/le-graffe.html

    RispondiElimina
  3. Praticamente perfette, complimenti per il tuo blog, a presto

    RispondiElimina
  4. Grazie Simo!!!Una tira l'altra

    Grazie germana!!!sono buone perche sono leggere..

    Grazie Paoletta!!Come ho specificato sopra...ho riportato i vostri insegamenti ,tuo e di Adriano...che sete molto bravi ed esperti.
    ho cercato di imparare qualcosa in più,
    ho confrontato le dosi, forse si assomigliano....ma devi sapere che le faccio da quando sono piccoli i miei figli....ora Claudio ha 34 anni.......grazie di essere passata!!!



    Grazie Anicestellato!!!Mi piacce tanto farle,
    fino a che non mi vengono bene...

    RispondiElimina
  5. Grazie di aver partecipato alla mia raccolta!
    A presto!

    RispondiElimina
  6. Che meraviglia belle cicciottelle come piacciono ame!!
    complimenti

    RispondiElimina
  7. wow
    quelle che sto cercando da tempo ne ho provate varie, proverò anche la tua, grazieeeeeeee

    RispondiElimina
  8. ciao!!!!!!
    non sai quanto devo ringraziarti, finalmente ho trovato la ricetta che volevo. Grazieeeeeee
    sono le graffes che cercavo soffici che si sciolgono in bocca. ho postato la tua ricetta nel mio blog dove ho riportato quanto tu hai scritto, il merito è tuo! se non va bene dimmelo pure! grazie ancora

    RispondiElimina
  9. mmm..sembrano proprio buone, complimenti!

    RispondiElimina
  10. Grazie Carolina, Anicestellato, Kris.

    Sono contenta Carmen, mi fa piacere, il merito non è mio, ma tuo che sei riuscita a dosare bene gli ingredienti...a volte non basta avere una ricetta.....

    RispondiElimina
  11. Perfette!!
    mmm mmmm mmm in questi giorni di festa ho mangiato troppo ma devo dire che mi tentano, vorrei farle!!
    Magari più avanti...
    Complimenti!!!
    Elisa

    RispondiElimina
  12. SCUSA MA DOPO AVER FATTO L IMPASTO DVE RIPOSARE 2 ORE POI QUANDO SI FORMANO LE CIAMBELLE DVONO STARE A RIPOSARE ALTRE 2 ORE??? GRZ BACI

    RispondiElimina
  13. mi e' venuta voglia di farle....io ho sempre fatto quelle con le patate ma il procedimento e' piu' lungo

    RispondiElimina
  14. Nancy si prima devi far lievitare tutto l'impasto....in forno spento e preriscaldato lievita prima ma non devi mai superare i 30'...poi logicamente quando hai formato le ciambelline ..coperte dovranno lievitare di nuovo...ciao..!!!

    RispondiElimina
  15. ho provato a farle due volte ma non questa ricetta.....adesso proverò la tua speriamo bene....bellissime ricette grazie per tutto

    RispondiElimina
  16. emmm...... non vorrei proprio offenderti ....anche perchè dall'aspetto sembrano buonissimi....ma queste non possono assolutamente chiamarsi "ZEPPOLE"....potrebbero al massimo chiamarsi Fatti fritti.... la zeppola non può essere formata prima della lievitazione ma l'impasto lievita tutto assieme perchè si presenta molto liquido e la forma la si da direttamente quando lo si sta buttando nell'olio bollente.

    RispondiElimina
  17. emmm...... non vorrei proprio offenderti ....anche perchè dall'aspetto sembrano buonissimi....ma queste non possono assolutamente chiamarsi "ZEPPOLE"....potrebbero al massimo chiamarsi Fatti fritti.... la zeppola non può essere formata prima della lievitazione ma l'impasto lievita tutto assieme perchè si presenta molto liquido e la forma la si da direttamente quando lo si sta buttando nell'olio bollente.

    RispondiElimina
  18. Sono d'accordo con eliwinx, questi in Sardegna si chiamano Fatti Fritti o Para Frittus: buonissimi comunque e sempre un fritto per il carnevale! Ma non sono zeppole, che nella stessa Sardegna vengono fatte in più versioni: con ricotta e/o patata oppure senza, e queste ultime sono difficilissime da fare e soprattutto da "gettare" nell'olio per friggerle...
    Complimenti comunque, adoro i Fatti Fritti!

    RispondiElimina