martedì 31 marzo 2009

Risotto agli asparagi selvatici


Dopo una settimana di pioggia, finalmente ieri è uscito il sole e la giornata era splendida. Nella campagna intorno al mio paese, in questo periodo, si possono raccogliere gli asparagi selvatici. Una volta individuato il bulbo della pianta, da li cresco i nuovi germogli, detti torrioni. Sono piccoli, fini, di sapore più forte e amarognolo rispetto a quelli coltivati e si mangiano con la frittata o nei risotti. Per la prima volta sono andata a raccoglierli, ci vuole un occhio ben allenato per trovarli... ma con la mia tenacia, sono riusita a farne un bel mazzetto..., ovviamente, a fine mattinata, ero piena di lividi, perchè... si trovano sempre vicino ai rovi, ma ero felice perchè finalmente potevo fare il mio risotto


Ingredienti:

80 g riso violone nano o carnarali a persona
1 bicchiere di vino bianco
brodo vevetale sufficente per cuocere il riso
1 scalogno
olio extra vergine di oliva
un pezzetto di burro
una bustina di zafferano (facoltativo... io non l'ho messo)
un bel mazzetto di asparagi selvatici

Preparazione:

Dopo averli tenuti un pò a bagno, togliere la parte più dura e fare a pezzetti le parti più tenere.
Inbiondire parte dello scalogno nell'olio, aggiungere gli asparagi, rosolarli bene, salare, pepare, mettere qualche cucchiaio di brodo e cucinarli per qualche minuto.

Nel frattempo mettere a cuocere il riso come è di consueto. Inbiondire l'altra parte dello scalogno nell'olio, unire il riso , sfumare con un buon bicchiere di vino bianco, (io ho usato il nostro verdicchio locale) e farlo evaporare. Poi far bollire per qualche minuto alcuni gambi di asparagi con un pò del brodo vegetale (qui, chi vuole può sciogliere la bustina di zafferano).

A metà cottura del riso, unire gli asparagi e continuare ad aggiungere altro brodo, facendo attenzione a non farlo scuocere. Lasciare il risotto un pò all'onda, unire un pezzetto di burro e parmiggiano a volontà.


"l'amarogniolo dell'asparago selvatico, si modifica, dando al risotto un gusto particolare, gradevole al palato, sicuramente diverso dall'asparago coltivato ,ma decisamente buono"


10 commenti:

  1. Buoni, anche da me si fanno così.

    RispondiElimina
  2. Buono il risotto, io la faccio con gli asparagi normali, quelli selvatici non so dove trovarli
    baci
    cristina

    RispondiElimina
  3. Buonissimi il risotto coi selvatici!

    RispondiElimina
  4. Che meraviglia! Semplice ed efficace. Anche le foto sono belle, ottimo lavoro!

    RispondiElimina
  5. brava io ci faccio anche la crema con i gambi cotti con il brodo, li frullo con panna olio sale e pepe poi ne verso un cucchiaio per decorare il piatto.
    Enrico

    RispondiElimina
  6. io con gli asparagi, faccio un ottima frittata-ciao .cosimo da valenzano ,in provincia di bari ..

    RispondiElimina
  7. ciao Cosimo...sicuramente buoni in frittata!!!

    RispondiElimina
  8. Qualcuno mi descrive approssimativamente l'habitat di crescita (vicino ai rovi??? Campo aperto??? Terreno umido secco calcareo sabbioso humus???). Si trova in collina in Emilia??? Grazie Ted

    RispondiElimina
  9. Ciao, gli asparagi non sono che i germogli nuovi che spuntano dopo la piaggia e con il calore del sole.
    Il periodo della raccolta stà inizziando ora con l'arrivo della bella stagione,è facile individuarli.
    le piante si trovano lungo i lati delle strade dove ci sono anche i rovi....la pianta si chiama sparasina è pungente...i rami non ha foglie, ma aghetti..vedi questo link......http://xoomer.virgilio.it/sparasina/Erbe.htm
    Ci vuole un buon occhio per vedere i germogli,
    spuntano intorno alla pianta madre e sono sempre nascosti trà irovi,bisogna munirsi di guanti e cesoie.
    Spero di averti spiegato bene...ciao!!!

    RispondiElimina
  10. ottimi...io ne vado matta

    RispondiElimina